Il Neuropsicologo e la Neuropsicologia - Valutazione e Riabilitazione - Milano

Cerca

Vai ai contenuti

Valutazione Neuropsicologica

La Neuropsicologia

La valutazione neuropsicologica ha come obiettivo di identificare, descrivere, quantificare i deficit cognitivi e comportamentali acquisiti dopo una lesione o disfunzione cerebrale.

Quali sono le finalità di un esame neuropsicologico?

1. Finalità diagnostica: l'esame neuropsicologico è necessario per l'individuazione anche precoce, la quantificazione e l'inquadramento clinico di disfunzioni cognitive conseguenti a patologie neurologiche o psichiatriche.

2. Finalità prognostica: la valutazione neuropsicologica può fornire delle indicazioni sull'esito di alcune patologie, come ad esempio il trauma cranico e l'ictus cerebrale. Costanti valutazioni del paziente permettono di predire l'entità di eventuali danni permanenti. I fattori prognostici sono indispensabili per pianificare le opzioni di trattamento riabilitativo, per garantire un progetto individualizzato, per fornire alla famiglia un'informazione corretta sulle possibilità di recupero e anche per prevedere le necessità assistenziali a lungo termine.

3. Inoltre ha la finalità di programmare l'assistenza e gli interventi: la valutazione neuropsicologica fornisce informazioni dettagliate sullo stato cognitivo, sulla presenza di alterazioni comportamentali e di personalità fondamentali per dare indicazioni circa i limiti imposti dalla vita quotidiana (lavoro, scuola, indipendenza…)

4. Programmare e monitorare il progetto riabilitativo.

5. Finalità legale-assicurativa: una valutazione neuropsicologica in questo ambito può essere richiesta sia da commissioni deputate al rilascio/rinnovo delle patenti di guida, sia da commissioni deputate al rilascio dell'invalidità.

Quali sono gli obiettivi della valutazione neuropsicologica?

  • contribuire a una diagnosi differenziale;


  • identificare e quantificare le funzioni danneggiate e preservate, dopo una lesione focale o diffusa del sistema nervoso centrale;


  • valutare le prestazioni cognitive per verificare l'efficacia terapeutica a seguito di specifici interventi chirurgici, farmacologici o psicologici;


  • valutare le conseguenze dei deficit cognitivi sulla vita sociale lavorativa del paziente, anche ai fini dell'accertamento medico legale;


  • valutare lo stato cognitivo per la formulazione di strategie riabilitative e di intervento.
Abbellimento Floreale Neuropsicologia

Menu di sezione:


Torna ai contenuti | Torna al menu